Browse By

Il gambetto

I gambetti (il termine deriva da “sgambetto”) sono dei sacrifici di pedoni atti a guadagnare tempi.
Il concetto base è quindi di offrire in “tributo” uno o due pedoni per accelerare il processo di sviluppo e guadagnare quindi tempi fondamentali in apertura. A mio avviso sono molto validi.
Ecco un classico esempio di Gambetto, che oggi è diventata una linea principale della partita di donna.

1.d4 d5 2.c4
Il bianco offre al nero di catturare il pedone in c. Così facendo il nero perde il controllo sul centro. Infatti la spinta d7-d5 ha lo scopo di non far avanzare il pd4 e allo stesso tempo di contorllare la casa fondamentale e4. Guadagnando materiale, il nero rinuncia così al centro.


Il bianco ne approfitta per prendere spazio e rafforzare il dominio sul centro. E’ sempre questo il dilemma che affligge gli scacchisti. Materiale o posizione? meglio avere più materiale o una migliore posizione? ovviamente ci sono 2 scuole di pensiero. C’ è chi è troppo avaro e che quindi accetta ogni tipo di sacrificio, oppure c’è chi pensa che la posizione sia meglio che avere qualche pedone in più e che quindi risponde ai gambetti con mosse di difesa. Per es. nel digramma sopra, molti rispondono 2…c6 o 2…e6

Quando offriamo il nostro pedone al nostro avversario, proponiamo quindi un gambetto, che può essere accettato o rifiutato.

Con 1.d4 d5 2.c4 dxc4 si ha il gambetto di donna accettato.

Con 1.d4 d4 2.c4 e6 (o c6) siha il gambetto di donna rifiutato.

Giocate i gambetti per svilupparvi più velocemente, sacrificate i pedoni per aprire diagonali e colonne, soprattutto in apertura quando i rischi sono minori e il vantaggio di sviluppo è fondamentale!

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.