Browse By

Come Sviluppare una buona Difesa

Il segreto per avere una buona difesa, è quello di non creare troppi buchi all’interno del nostro schieramento. Un Gran Maestro, che ora mi sfugge il nome, affermava:

Ogni mossa effettuata provoca una debolezza

In effetti è proprio così perchè se sposto un cavallo da una posizione all’altra, il cavallo non controllerà più determinate case che controllava anche prima. Ma per i pezzi il concetto di protezione delle case è più semplice, perchè se devono proteggere determinate caselle, basta piazzarsi in una certa posizione ed ottenere il controllo. Ma per i pedoni il discorso è differente.

I pedoni hanno una mobilità molto limitata, ed è per questo che vanno mossi con cautela. I pedoni, a differenza degli altri pezzi, non possono tornare indietro, ragion percui ogni mossa di pedone va calcolata con criterio.

Quando si spinge un pedone di due case anzichè una, le case di fianco a tale pedone non saranno più controllare (a meno che non ci siano altri pedoni a farlo).

se il pedone si muove da f2 a f4, le case e3 e g3 saranno incontrollate, e anche la casa f3 dietro al pedone sarà vulnerabile. Quindi spingere un pedone ha un vantaggio e uno svantaggio. Il vantaggio è quello di controllare spazio e di opprimere lo schieramente avversario, lo svantaggio è quello che così facendo, alcune case rimarranno deboli.

Ci sono partite che finiscono con i pedoni posizionati ancora tutti sulla casa di partenza, come in questo video:

Come hai potuto vedere in questo video, il bianco alla fine della partita, ha ancora 6 pedoni posizionati sulla seconda traversa.

I pedoni quindi sono alla base di una buona difesa. I pedoni riscono a creare lo scheletro della difesa ovvero la struttura pedonale, e questa servirà a mettere i propri pezzi leggeri e pesanti su case favorevoli. Vediamo qualche esempio di buona difesa e cattiva difesa.

Buona difesa

buona difesa di scacchi Una difesa di questo genere non teme niente. Questo è un sistema spesso utilizzato dal Nero, ma adesso noi lo vedremo sotto il punto di vista del bianco per convenzione. Grazie a questa struttura, lo schieramento non ha buchi e non ci sono punti soffocati. Entrambi gli Alfieri hanno il via libero.

Infatti, l’Alfiere camposcuro in c1 ha di per sè già il raggio d’azione libero, mentre l’Alfiere f1 per averlo, deve spostarsi in g2 dopodichè avrà il controllo sulla grande diagonale g2-a6.

questa impostazione non favorisce però solo gli alfieri ma anche gli altri pezzi, come per esempio i cavalli:

posizione cavalli scacchi Anche i Cavalli si trovano molto bene in un impostazione di questo genere. Hanno via libera per lo sviluppo e da quell posizione possono sorreggere spinte di pedoni come per esempio e2-e4.

Insomma una buona impostazione, oltre che a creare una buona difesa, crea anche delle buone prospettive d’attacco. Il chiudersi in difesa è una pratica poco usata negli scacchi, anche perchè facendolo si va solo incontro a grossi guai. Bisogna giocare con una buona impostazione, che non abbia buchi, e stai sicuro che così facendo non potrai perdere in 10 mosse nemmeno contro il campione del mondo di scacchi.

Per riassumere una buona difesa deve avere i seguenti elementi:

  • una buona struttura pedonale che consenste di “prendere aria” ai propri pezzi
  • un Alfiere posizionato sulla casa di partenza ed uno in fianchetto
  • i Cavalli posizionati in modo tale da creare pressione al centro
  • un Arrocco corto solido con al massimo uno dei 3 pedoni mossi (uno dei tre: f2-g2-h3)

Vediamo invece qui di seguito un esempio di cattiva difesa.

Cattiva Difesa

difesa di scacchi cattivaE questo di fianco invece è il classico esempio di pessima difesa. Non è detto che una difesa “bella da vedere” oppure una difesa “simmetrica” sia anche efficace.  Questo tipo di posizionamento di pedoni infatti non ha alcun senso.

I pedoni avanzano verso le ali anzichè avanzare al centro, e non infastidiscono in alcun modo il controgioco dell’avversario al centro. I pedone lasciano già due importanti buchi, quelli in f4 e c4. Gli Alfieri non hanno sbocchi, nè tanto meno i Cavalli. Se si provano a muovere i pedone centrali “e” e “d” si ha un evitabile indebolimento dei pedoni c3 ed f3 che risultarebbero così sospesi ovvero difendibili solo dai propri pezzi e non dai colleghi pedoni.

Articoli consigliati

2 thoughts on “Come Sviluppare una buona Difesa”

  1. Luigi says:

    Ciao Christian!
    il Gm in questione altri non è che il 1 campione del mondo ufficiale,Steinitz.

  2. Luigi says:

    “Ogni spinta di pedone crea una debolezza” ammoniva Steinitz,per essere precisi… Una frase davvero molto acuta considerando che Nimzowitsch anni dopo nel I capitolo del celeberrimo sistema esordirà scrivendo:”Se fosse possibile sviluppare i pezzi senza l’aiuto di mosse di pedoni,questo sviluppo sarebbe quello giusto!”

    Grazie come sempre per gli ottimi articoli,ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.