Recensione Libro: Che cosa bisogna sapere sui Finali

Oggi mi ritrovo a recensire un libro sui finali di scacchi che ho ordinato dalle 2 Torri di Bologna qualche settimana fa. E’ inutile dire che il libro me lo sono divorato in 3 o 4 giorni :D . In un primo momento, sfogliando il libro velocemente o pensato: “Ma che caspita di libro sono andato a prendere??”. Le posizioni che illustra il libro sono “noiose”, spesso Re e Cavallo contro Re, Cavallo e pedone, in varie situazioni; e la stessa cosa col cavallo al posto dell’Alfiere, insomma, posizione che non ci capiteranno quasi mai!

Però poi mi sono detto: “Prima di giudicare, devo leggere il libro e studiare anche queste posizioni noiose“. Ragazzi, ora la mia valutazione del libro è cambiata totalmente, e se ti dico che mi sono anche appassionato a quei tipi di finali mi prenderai per pazzo :D .

E’ così! Non sono finali pallosi, anzi sono interessanti! E ritengo che c’è tanta arte lì quanta nel mediogioco. Ci sono alcune mosse che non ti sogneresti neanche di notte di giocare, eppure sono quelle che ti fanno vincere nel finale! Sono posizioni che se te le ritrovi sulla scacchiera, probabilmente ti ritroverai a chiedere la patta al tuo avversario (anche se sei in vantaggio), ma in realtà c’è la chiave per sbloccare la situazione, e questa la si può conoscere solo studiando queste posizioni.

Ritengo che studiando questi finali, anche se non ci capiteranno mai (ma dubito), aumentiamo la nostra comprensione del gioco, e non intendo solo del finale, ma anche del mediogioco! Ecco la videorecensione del libro.

Qui di seguito trovi il pulsante per poter andare alla pagina d’acquisto del Libro:

Print Friendly

5 Comments

  1. blade scrive:

    La videorecensione di un libro, ma che bella idea! Utile, sembra quasi di averlo tra le mani. Non so se questa sia la tua prima videorecensione, ma io intanto ho messo questo “Libro sui Finali di Scacchi” tra i miei prossimi acquisti. Non è che non abbia libri sui finali, ma sono piuttosto ponderosi, sembrano più strumenti da consultazione. Questo invece, meno di cento pagine, si può realisticamente sperare di leggerlo tutto!
    Poi i libri editi da “Le Due Torri” hanno due caratteristiche indubitabili e fortemente collegate: la chiarezza nei contenuti e la chiarezza nell’aspetto grafico.

  2. Christian scrive:

    Grazie Blade! Credo che aprirò una sezione apposita alle “Video Recensioni” in modo tale da poter essere più facilmente consultabile! ;) Grazie! questa è la seconda che ho fatto, la prima era sul libro di Bobby Fishcer! ;) http://www.mattoscacco.com/2010/11/05/bobby-fischer-insegna-gli-scacchi-videorecensione-e-download/ fatto però con la vecchia videcamera :D

  3. Maurizio scrive:

    Ciao Christan, sono veramente belle le video recensioni…credo che tu debba coltivare maggiormente anche questo aspetto sul tuo blog.
    Ritornando al libro io l’ho acquistato un anno fa e nn l’ho ancora finito di studiare tutto…cmq è stato proprio questo libro che mi ha fatto avvicinare ai finali.
    Ritengo che sia fatto veramente bene.
    Grazie Christian

  4. Barone scrive:

    Per chi fosse interessato ai finali e cercasse un libro utile, semplice e soprattutto PRATICO, vorrei consigliare “Chess Endgame Training” di Bernd Rosen, del 2001:
    ogni capitolo (sei su re, re e pedoni, particolarità pedonali tipo pedoni doppiati o affiancati o bloccati o del pedone della colonna di torre, etc; quattro per i finali di torre; due per i finali di regina; tre per i finali di pezzi, ovvero uno realtivo al cavallo, uno all’alfiere e uno a cavallo contro alfiere) ha una parte introduttiva sufficentemente ben spiegata, ma contemporaneamente semplice, e di seguito una serie di esercizi per il di finale trattato in quella sezione del libro.
    Gli ultimmi due capitoli sono uno di esercizi misti ed uno intitolato “Consiglio per Insegnanti” (quest’ultimo io l’ho saltato…).
    Anche se in 170 pagine circa questo libro non è certo un’enciclopedia del finale alla Dvoretsky o Muller, a me è parso molto utile (e credo che sia molto più indicato un testo come questo per i comuni giocatori di scacchi dilettanti che non i trattati esaustivi più celebrati), visto che gli esercizi aiutano a capire meglio e più praticamente i concetti e stimolano a finire il testo.

    La nota dolente, la solita, è che pare non esisterne una versione in italiano…

  5. Barone scrive:

    Per vedere i Candidates in diretta con l’analisi dell’engine stockfish c’è questo indirizzo gratuito:
    http://livechess.chessdom.com/site/
    Alla prima riga nel pannello grande centrale c’è la dicitura “Candidates Matches 2011″ che, clickata, porta alla lista delle quattro partite della giornata; è possibile aprirle tutte e quattro (una ad una) e passare poi da una all’altra con i segnalini a schedario che vengono affiancati in alto sotto il banner del sito. Le dirette iniziano alle 13:00 ora italiana.
    Dopo la “facile” vittoria nel campionato USA di pochi giorni fa’, oggi Kamsky ha schiacciato Topalov col nero (0-1!) dopo che quest’ultimo aveva proposto un’innovazione evidentemente non sufficientemente preparata. Tutte le altre partite sono finora finite 1/2-1/2 (le due rimanenti del secondo incontro della serie di quattro sono ancora in corso, ma paiono destinate alla patta).

    Al seguente indirizzo, invece, c’è il commento in diretta, con scacchiera ma senza video, in inglese del GM Yasser Seirawan e di un altro GM del sito ICC (a rotazione, cambiano ogni giorno):
    http://www.chessclub.com/chessfm/

    Infine, di seguito l’indirizzo del sito con la diretta video delle scacchiere e il commento in russo:
    http://video.russiachess.org/view/267

    N.B. qui da me, se provo a tenere contemporaneamente in linea il commento in diretta in inglese di ChessFM e il sito russo con lo straming video dei giocatori alla scacchiera (commento in russo, che non capisco e quindi azzero…), la scacchiera di ChessFM mi va’ in palla e devo chiudere il browser e riavviarlo perché torni a posto.

Leave a Comment


uno × = 7

shared on wplocker.com