Browse By

Cosa Sono Gli Scacchi Per Te?

Sin da piccolo, ho visto il gioco degli scacchi in modo particolare. Non so perchè ma avevo intuito che era un gioco diverso da tutti gli altri, avevo intuito che era un gioco che non aveva limiti, e avevo capito che per imparare a giocare bene, ci sarebbe voluto veramente molto tempo.

Iniziai a studiare gli scacchi su dei fascicoli che uscivano in edicola, non mi perdevo un solo numero. Leggendo quei trucchi mi sentono il campione degli scacchi, mi sentivo invincibile! Così che iniziai a battere tutti i miei amici con la quale perdevo. Quei fascicoli mi avevano portato al successo, ed ora ero pronto per i tornei mondiali!! Sì, nella mia immaginazione! 😀

Tant’è vero che da lì a poco incontrai per puro caso la possibilità di giocare a scacchi on-line attraverso il sito scacchisti.it e mi accorsi di non ero niente in confronto a molti giocatori. Ora, su scacchisti si parte da un punteggio di 1000, e io a mala pena riuscivo a restare sui 900. Tra gli utenti collegati c’erano alcuni da 1500, 1600, come avrei potuto mai raggiungerli?

Sarà che sono un tipo molto determinato, sarà che sono un tipo che ama le sfide, e sarà che sono un tipo che non ama perdere, ma si da il caso che mi misi a studiare intensamente gli scacchi, abbandonando l’altra mia grande passione (il pianoforte). Nel frattempo mi iscrissi anche al circolo, incontrai persone meravigliose che mi aiutarono a migliorare sempre più fino a toccare i 1650 su scacchisti, il mio più alto punteggio, e posso dire che è stato davvero un traguardo, dato che ci sono parecchi Candidati Maestri a quel punteggio.

Una volta raggiunta la vetta tirai un po’ il freno… iniziai a giocare molto meno, ripresi i ritmi frenetici degli studi di piano fino ad arrivare ad oggi.

Cosa mi hanno insegnato gli scacchi? Mi hanno insegnato tutto e devo tutto a loro! Mi hanno insegnato che volere è potere, mi hanno insegnato che se qualcuno vuole raggiungere un’obbiettivo ci riesce, mi hanno insegnato che non bisogna mai mollare perchè chi molla non può realizzare i propri sogni. Mi hanno fatto incontrare le persone giuste, mi hanno messo in contatto con una seconda famiglia, mi hanno fatto conoscere ambienti che non conoscevo e mi hanno fatto crescere.

Grazie a loro sono in grado di valutare le situazioni e le occasioni che mi si presentano nella vita con un occhio molto critico e oggettivo. Grazie a loro ho sofferto per delle amare sconfitte, ma queste sono servite a spronarmi per cercare di fare sempre meglio e quindi a gioire delle vittorie. Gli scacchi sono compagni d’avventura, e faranno sempre parte della mia vita. Mi verrebbe difficile immaginare ora una vita senza scacchi.. sono stati dei genitori per me.

E per te cosa sono gli scacchi?

 

Articoli consigliati

16 thoughts on “Cosa Sono Gli Scacchi Per Te?”

  1. Axel says:

    per me gli scacchi sono zero -> 0
    e io sono uno —————-> 1

    se gioco a scacchi senza consapevolezza, con la testa altrove, il valore è 01
    se gioco a scacchi con consapevolezza, con la testa nel presente, il valore è 10

  2. Salvatore Baffo says:

    Io ho imparato le mosse quando avevo 7 anni ma non essendoci un circolo dalle mie parti ho lasciato quasi subito, anche se quando vedevo nei film qualche scena con gli scacchi mi ritornava la voglia di giocare. All’età di 25 anni mi decido a iscrivermi su scacchisti pensando di poter competere…i risultati non ve li dico, anzi si…ero sprofondato sotto gli 850 circa. Nonostante le bastonate il gioco mi piaceva sempre di più e ho cominciato a scaricare riviste on-line e i risultati sono migliorati progressivamente. Poi mi sono preso anche dei DVD e alcuni libri e ora su scacchisti sono sui 1400 e su chesscube intorno ai 1900. Certo non valgo una 1N (me ne sono accorto nel campionato provinciale!) però posso dire che so giocare! Gli scacchi mi hanno insegnato che ogni obiettivo da raggiungere necessita di un piano che si basa su elementi concreti. Non bisogna decidere a casaccio ma in base a ciò che di volta in volta abbiamo difronte. Questa è la mia esperienza, se sono stato troppo lungo mi dispiace 😀

  3. Christian says:

    Bellissima teoria Axel!

  4. Christian says:

    Grazie salvatore per la tua esperienza, ne farò sicuramente tesoro! Mi è piaciuta molto la frase:

    ogni obiettivo da raggiungere necessita di un piano che si basa su elementi concreti

    .

    complimenti per i tuoi passi da gigante! 🙂

  5. Kasper says:

    Vediamo…per me gli scacchi sono un gioco “interessante”, nel senso di intrigante, coinvolgente. O anche una “droga” buona, se vogliamo. E un mondo parallelo nel quale immergersi, senza esagerare. Ciao!

  6. Barone says:

    Per me gli scacchi soddisfano un bisogno naturale che ritengo sia istintivo per tutti i viventi in grado di pensiero astratto, ovvero quello di chiudere “ragionamenti circolari”, per così dire (un riflesso dell’onnipresente ciclo vitale?).
    Elaborare una teoria verificabile, basata su ipotesi personali, da’ una soddisfazione tangibile, a mio parere addirittura riflessa nella chimica cel cervello, al pari di quanto avviene con l’attività sessuale, sportiva o con l’assunzione di droghe (quest’ultimo è un esempio limite, visto che le droghe sono sostanze esogene, non prodotte internamente dal nostro corpo, quindi assumibili anche in quantità non fisiologica e non tollerabile dal naturale equilibrio del nostro organismo: per questo sono potenzialmente dannose anche al di là delle ragioni puramente “psicologiche”).
    Infatti non vedo quale motivo avremmo di cercare continuamente di imparare, capire e immaginare cose nuove, soprattutto quando facendolo non otteniamo nessun compenso. Intendo nessun compenso nel mondo reale, nel mondo “esterno”.

    Personalmente quando gioco a scacchi non mi importata tanto vincere quanto vedere che un’idea che ho avuto viene a riflettersi sulla scacchiera, che con i suoi birilli bianchi e neri diventa quasi un’entità al confine fra l’immaginazione e la realtà.

  7. Salvatore Baffo says:

    Passi da gigante…non esageriamo ihihihhii. Gioco da tre anni ormai quindi sono tanti piccoli passi :-D, ma me ne mancano ancora tantissimissimi 🙁 .Cqm è merito dei tanti siti, tra cui il tuo, che sono riuscito a migliorare.

  8. riccardo20 says:

    puoi diventare il piu forte giocatore di scacchi nel mondo , ma per farlo devi sposare quel gioco, conoscerlo nn è abbastanza ,io gioco a basket da 15 anni …tanto.. lo conosco da tanto sn bravo gioco in 1 divisione ,, come negli scacchi saro una 2 nazionale, noi Copiamo e incolliamo , dipende da chi copiamo:P da piccoli è piu facile e si spiega perchè si incrementa cosi tanto il livello e rapidamente , dopodichè si stabilizza, alla fine se ti alleni con gente con 1800 punti arriverai a quel livello e poi ti fermerai , tutto è nel allenamento ……… non è nelle partite . i tornei nn servono a un …..niente…

    ciao Crhstian Buone Vacanze

  9. Maurizio says:

    Bella domanda Christian.
    Sin da piccolo sono stato sempre e continuamente attratto dal gioco degli scacchi con una forza tale da aver voglia di imparare…mah, sfortunatamente per me mai nessuno mi ha insegnato nulla, e non ho mai frequentato un circolo o scuola. Peccato, avrei tanto voluto. Crescendo e maturando avevo sempre più voglia di farlo (non so spiegare il motivo ma mi sentivo portato ancor prima di muovere i primi passi nel gioco…), come se sapevo inconsciamente di avere un gene che codificasse per la proteina del nobil gioco. Così ho cominciato come autodidatta quattro anni fa, prendendo certe legnate da far paura, ma sono servite a capire che dovevo cominciare a studiare e praticare tanto. Attualmente nn posso dire di essere un genio o un fuoriclasse, ma posso tranquillamente asserire di aver raggiunto un discreto livello totalmente da solo, senza che mai nessuno mi abbia avviato al gioco. I miei insegnianti sono stati i libri e le lezioni su internet (grazie anche a Christian). D’altronde bisogna essere per forza dei fuoriclasse per poter praticare o seguire una passione…? Chi ha la passione del calcio e lo pratica, è sempre e comunque in serie “A”?.
    Per me gli scacchi rappresentano veramente tanto. Scusate per il pensiero troppo lungo. Grazie.

  10. Agostino says:

    Cosa rappresentano gli scacchi per me? Un qualcosa che permette di tenere allenata la mente e anche divertirsi con qualche amico 😉

  11. Chiara says:

    Ciao a tutti. Mi sono avvicinata agli scacchi solo da qualche mese… non è mai troppo tardi eh! di anni ne ho 33 e ovvio che ho poco tempo per il lavoro e per tutti gli impegni che si hanno, però so che mi fanno compagnia, e mi aiutano a spostare l’ attenzione dai problemi reali, che ci volete fare? son donna e ho un approccio sentimentale! Cmq complimenti per il sito, leggiucchio spesso e imparo qualcosa :D! Ho tanto tempo per imparare no?

  12. Christian says:

    Ciao Chiara e Benvenuta!!! 🙂 Che piacere leggere una nuova scacchista. Beh, ognuno ha le sue motivazioni! Non conosco il tuo livello ma suppongo di sì, c’è sempre da imparare, e prima di arrivare ad un livello “decente” (il che è anche tutto relativo), ce ne vuole di tempo e di strada da fare! 😀

  13. Chiara says:

    Eh diciamo che ancora non ho raggiunto alcun livello!ma non demordo! il gioco mi affascina e mi diverte, l’ ho scoperto da poco, purtroppo, ma ho tutto il tempo per recuperare!Grazie per il benvenuto! Seguo il tuo blog da un pò e di cose interessanti ne ho lette parecchie! 😉 Continua così! 😉

  14. Christian says:

    Mi fa molto piacere Chiara! Anche tu continua così e…ti consiglio di guardarti un po’ le videolezioni! 🙂

    Salutone!!

  15. Paola Celadin says:

    Ciao Christian,
    ti riscrivo di nuovo. Per me gli scacchi sono un mondo affascinante a cui mi sono avvicinata sulla soglia dei cinquant’anni, Non sono ancora brava ma dopo un anno che muovo i pezzi, su certi siti sono a livello 600 circa. Lo so sono ancora in piena preistoria, diciamo che sono passata dalla pietra scheggiata alla pietra levigata in quest’anno. Ma ho ancora molti anni di scacchi davanti a me! Ti seguo sempre, sei bravo a presentare gli argomenti ed a incuriosire i lettori, ed il tuo è il mio sito preferito. Non fermarti, dietro di te c’è una grande schiera di scacchisti, tra cui la sottoscritta. Intanto ti faccio i migliori auguri di Buone Feste…..Paola

  16. TM says:

    Rispondo al posto di Christian, che interverrà in seguito, per annunciare a Paola e a tutti che il nuovo anno potrebbe riservare delle piacevoli sorprese ai lettori di questi sito.

    Non anticipo nulla…. eventualmente ci penserà Christian.

    Nel frattempo Buon Natale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.