Browse By

Le Basi Posizionali Del Piano

Il piano di scacchi deve essere impostato sulla base di considerazioni concrete. Perciò il piano, per far sì che questo sia efficiente, deve svilupparsi su delle basi concrete. Un piano di 7 mosse in pieno mediogioco è più difficilmente realizzabile rispetto un piano di 2 mosse in un finale di Re e pedoni. Il nostro avversario in 7 mosse fa in tempo a rivoluzionare tutta la propria posizione, e a meno che non si tratta di mosse quasi forzate, è praticamente un suicidio andare a creare un piano che richiede 7 mosse. Ancora una volta, la semplicità è sempre la migliore strada.

All’alba di tutto ciò, possiamo intuire che un piano deve anche essere versatile. Il piano deve poter cambiare, evolvere o essere addirittura abbandonato quando cambia radicalmente la posizione sulla scacchiera.

Il piano deve sempre basarsi sulla valutazione della posizione. Proviamo ora a schematizzare come si svolge una partita di scacchi.

All’inizio le forze tra gli schieramenti sono equivalenti. Per poter entrare in vantaggio bisogna puntare alla vittoria, e per farlo bisogna: sviluppare i pezzi, renderli attivi, guadagnare spazio ecc.. Cosa vuol dire sviluppare i pezzi? La forza di un pezzo è strettamente legata alla quantità di case (caselle) che riesce a controllare in quel preciso momento. Se un pezzo risiede alla sua casa di partenza (casa madre), controlla un numero ridotto di case. Ed ecco che nasce l’esigenza di centralizzare i pezzi in modo tale da poter dare loro la possibilità di controllare un numero maggiore di case.

Un cavallo all’angolo controlla solo 2 case

Un Cavallo al centro controlla 8 case

All’inizio della partita, l’unica tua preoccupazione deve essere quella di sviluppare i propri pezzi, arroccare, e non creare debolezze all’interno del proprio schieramento.

E’ impossibile cominciare a costruire dei piani d’attacco sin dall’inizio, anche perché per ora la posizione dell’esercito avversario non è ancora ben definita. Le azioni successive andranno pianificate in base alla struttura del tuo avversario, ma le prima azioni rispondono solamente ai principi generali.

Una volta portato a termine ciò, puoi iniziare a valutare le possibilità reciproche. Ricordati sempre che anche il tuo avversario formula dei piani, perciò non ragionare solo a senso unico!

Supponiamo che sei in una posizione in cui hai la possibilità di attaccare. Per far sì che il piano abbia successo, l’attacco deve essere portato con forze preponderanti. Fai però sempre attenzione a quando conduci tutte le forze su un solo settore della scacchiera perché l’altro lato resta poi sguarnito, e la tua sicurezza ha più importanza del tuo attacco (se questo non è decisivo).

Lasker disse:

Attaccare finché non avete un sensibile vantaggio o una maggior forza d’azione. Se trascurerai questo consiglio, una reazione improvvisa ti lascerà in una posizione critica.

Ora analizziamo questa partita…

Partita Italiana
Tompson – Morphy
New York, 1857

1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ac4 Ac5 4. c3 Cf6 5. d3

Questa mossa era considerata priva di prospettive anche se Tal scrisse: “le mire del Bianco sono tutt’altro che innocue”. Il Piano ovviamente è quello di spingere il pedone in d4.

5. … d6 6. h3 Ae6 7. Ab3

Ovviamente dopo 7. Axe6 e fxe6 i pedoni doppiati favoriscono il Nero tramite le spinte di pedoni centrali.

7. … d5 8. exd Axd5 9. 0-0 0-0 10. Ag5 Axb3 11. axb

Avrebbe dato maggiori opportunità la rischiosa 11. Dxb3!?

11. … h6 12. Ah4

In caso di 12. Axf6 Dxf6 sarebbe risaltata troppo la debolezza del pedone in d3, tramite l’esposizione al fuoco delle torri (eventualmente doppiate) del Nero sulla colonna “d” .

Proviamo a trovare un buon piano per il Nero. Il Nero si trova in vantaggio di sviluppo ma può anche cercare di attaccare con tutte le proprie forze il debole pedone d3. Qui Morphy decise di seguire il piano che porta all’attacco diretto del pedone, dato che il vantaggio di sviluppo sarebbe potuto svanire nel giro di poche mosse.

12. … g5

In genere questa spinta viene evitata perché crea delle debolezze all’Arrocco. In questo caso però questa mossa è molto buona perché il Nero è in vantaggio di sviluppo e di controllo del centro, quindi non teme grandi contrattacchi immediati. Inoltre l’Alfiere Bianco da g3 non ha molta forza di fuoco.

13. Ag3 e4 14. Ce5

Se 14. dxe Cxe4 15. Dxd8 Taxd8 16. Axc7 Td7 e la minaccia della cattura del pf2 è decisiva.

14. … Cxe5 15. Axe5 exd 16. Axf6 Dxf6 17. Dxd3 Tad8 18. Dc2 Tfe8

Il Nero ha attivato al massimo i propri pezzi… Ora 19. Cd2 viene quasi spontanea da giocare ma non va bene a causa di 19. … Te2!

19. b4 Ab6 20. Ca3 Df4 21. Tad1 c6 22. Td3?

Il Bianco non ha un piano valido, infatti…

22. … Axf2+ 

Il Nero guadagna un pedone con questa mossa. Probabilmente il Bianco pensava solo ai suoi piani ma si è dimenticato che anche il Nero formula dei piani d’attacco.

23. Rh1

Se 23. Txf2 segue 23. … Te1+

23. … Txd3 24. Dxd3 Te3 25. Dd8+ Rg7 26. Dd4+ Dxd4 27. cxd

Il Nero è in vantaggio. Si tratta ora solo di trovare un piano d’attacco che faccia concretizzare questo vantaggio al Nero. Morphy sceglie di puntare sui deboli pedoni d4 e b2 ma prima…facciamo un bel cambio!

27. … Te2 28. Cc4 Te1! 29. Txe1 Axe1 30. Ca5 Axb4 31. Cxb7 Rf6

E’ ovvio chi dei due giocatori ha ora la partita in pugno…

32. Cd8 c5 33. Cc6 Re6 34. dxc

ed ora segue il finale.

34. … Axc5 35. g4 Rd5 36. Cd8 f6 37. R2 a5 38. Rf3 a4 39. Re2 Ad4 40. Rd3 Axb2 41. Cf7 Ae5 42. Rc2 Rc4 43. Cd8 a3 44. Cb7 a2 45. Ca5+ Rb4 46. Cb3 Ra3

E il Nero Vinse.

Fonte: da “Il Piano nella partita di scacchi” capitolo 7

Articoli consigliati

One thought on “Le Basi Posizionali Del Piano”

  1. Barone says:

    Volevo segnalare il sito di gioco gratuito Free Internet Chess Server, o FICS.
    Questo il sito di riferimento:
    http://www.freechess.org/
    A questa pagina i dawnload gratuiti per interfacce grafiche adatte a giocare su questo (e molti altri) server:
    http://www.freechess.org/cgi-bin/Download/FICS_Download_Interface.cgi
    (consiglio il gratuito ma potente BabasChess, che, oltre ad avere una grafica completa e molto personalizzabile, funziona anche come ottimo tool di visualizzazione di file pgn e che permette anche l’utilizzo di engine per l’analisi: reperibile anche all’indirizzo http://www.babaschess.net/)
    La pagina per registrarsi (del tutto nNON necessario per giocare!!!):
    http://www.freechess.org/Register/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.