Browse By

Gambetto Urusov

Ciao a tutti lettori di mattoscacco, oggi voglio parlarvi di un gambetto poco conosciuto ma sicuramente molto pericoloso: si tratta del gambetto Urusov.

Breve storia del gambetto Urusov

Il gambetto deve il nome a Sergei Urusov, forte giocatore russo della seconda metà dell’ottocento.

Già proposto e reso popolare da Ponziani (colui che dà il nome all’apertura 1.e4,e5;2.c3), solo dopo l’adozione proprio di Urusov nel match contro un altro grande giocatore russo di quel tempo,Petrov (Difesa Petrov o russa1.e4,e5;2.Cf3,Cf6) ne vennero capite le potenzialità. Nel ventesimo secolo l’adozione significativa( anche se saltuaria) di giocatori del calibro di Steinitz e Lasker,ha contribuito a renderlo sempre più popolare.Per chi fosse interessato ad ulteriori approfondimenti sul gambetto Urusov, può andare a questo link http://www.rci.rutgers.edu/~goeller/urusov/gambit/index.html .

Le mosse

Ed ora passiamo alle mosse:

1.e4,e5;    siamo così nelle partite di gioco aperto

2.Ac4       una naturale mossa di sviluppo che inoltre tiene sotto controllo il punto f7

2…Cf6     il nero si sviluppa a sua volta attaccando il pedone e4. Ora sono possibili sia Cc3( che rientra nella partita Viennese) ed anche d3(che tende a rientrare nel gioco piano), ma a noi interessa il gambetto Urusov,quindi esamineremo più a fondo la mossa:

3.d4!?

Questa è la posizione base del gambetto:il bianco sacrifica un pedone,ma in cambio otterrà un vantaggio di sviluppo non indifferente.Sulla correttezza ci sono dei dubbi,ma la pratica ha dimostrato che il compenso è più che adeguato.

Passiamo ora alla variante principale che prosegue così: 3… exd4;4.Cf3,Cxe4;5.Dxd4 raggiungendo la posizione del diagramma.

Il nero ha un pedone in più,ma il vantaggio di sviluppo del bianco è evidente.

Inoltre il nero sarà ora costretto a spostare nuovamente il cavallo o a difenderlo: in ogni caso giocare con il nero non è certo facile.

A questo punto la migliore si è dimostrata la ritirata 5…Cf6 alla quale segue 6.Cc3,Cc6(sfruttando la donna esposta)7.Dd3!(la ritirata migliore,sicuramente la + attiva,Dh4 è un’alternativa),Ab4(per Ae7 vedere in seguito);8.0-0,Axc3(il nero avendo un pedone in più cambi quanti più pezzi possibili per semplificare la posizione)9.Dxc3,0-0;

Adesso vediamo l’alternativa Ae7,leggermente più popolare di Ab4.

A questo punto il bianco deve giocare attivamente per non finire in posizione inferiore, quindi segue 7.Ag5,Cc6;8.Dh4,d5;9.0-0-0,Ae6;

A questo punto è chiaro che la lotta sarà sulle colonne centrali,visto il punto nevralgico d5 e il re nero ancora al centro,quindi 10.The1 potrebbe sembrare naturale e buona,ma ancora più forte è la mossa 10.Cxd5!

A questo punto la ripresa migliore si è rivelata 10…Cxd5 alla quale segue 11.Axd5,Axd5 12.c4( che recupera il pezzo) e a questo punto l’unica che mantiene l’equilibrio è 12…Axg5+! 13.Cxg5,h6! e adesso segue una variante praticamente forzata 14. The1+,Rf8 15. Txd5, Df6! 16.Te3!,Rg8!( il nero deve cambiare le donne se vuole avere una posizione quanto meno difendibile)17.Cf3,Dxh4 18.Cxh4,g6 19.Td7,Tc8 20. b4! Cb8 21. Td5,Rg7 22.Cf3

La posizione è equilibrata,ma scommetto che molti di voi preferirebbero avere il bianco:)

Variante con 3…. Cxe4;4.dxe5

Prima abbiamo visto cosa succede dopo 3…. exd4. Ma se il nero decide di giocare 3…Cxe4 cosa succede? Vediamolo insieme 1.e4,e5 2.Ac4,Cf6 3.d4,Cxe4 4.dxe5 la mossa più naturale e la migliore.

A questo punto le alternative principali del nero sono: c6, Cc5 o la più giocata Dh4.

Iniziamo da c6

dopo c6 segue 5. De2,Cc5 6.a4(più ambiziosa di a3 che è comunque giocabile)d5 7.exd6+,Ce6 8.Cf3 Axd6 9.0-0.0-0 10.Td1 con gioco leggermente favorevole al bianco

Passiamo alla seconda opzione del nero,Cc5

Alternative interessanti per  il bianco a questo punto sono sia Cf3 che f4,ma Ae3! è sicuramente la migliore

quindi,tornando alle mosse si ha 4…Cc5 5.Ae3,Ce6 6.f4!,Ab4+ 7.c3,Aa5 8.Cf3,Ab6 9.De2,0-0 10.f5!

Con una buona posizione per il bianco .

Passiamo ora all’alternativa principale, sicuramente la più ambiziosa, cioè 4…Dh4

dopo 4…Dh4 si ha 5.Df3!(anche Ae3 è buona la cui risposta migliore per il nero è Cd6 con parità),Cg5

Ed ora il bianco ha 3 opzioni,di valore piu o meno equivalente: Dd5,Axg5 o Df4 

Dopo Dd5 segue 6…c6 7.Axg5 cxd5 8.Axh4 dxc4 9.Cc3 con leggero vantaggio bianco

Invece dopo l’immediata Axg5 segue 6… Dxc4 7.Cc3,Ab4 8.Cge2,0-0 9.Af4 con leggero vantaggio bianco

E per finire, vediamo che succede dopo Df4:6… Dxf4 7.Axf4,Ce6 8.Ag3,Cc6 9.Cf3,Ac5 10.Cc3,Ced4 11.Cd5,Cxf3+ 12.gxf3,Ab6 13.0-0-0,0-0 14.Thg1,Rh8 15.f4,Ca5

Per concludere, un consiglio: le varianti che ho messo sono solo indicative, quindi verso la decima mossa il lettore può effettuare delle modifiche personali e scegliere piani diversi, anche analizzandole con un computer.

Inoltre se avete l’occasione giocate questo gambetto anche in torneo,oppure contro il computer, in modo da memorizzare le mosse princiapli.

Questo articolo spero ti sia stato d’aiuto,inoltre spero di aver messo un numero di diagrammi sufficienti per farti seguire meglio le varianti…

Un saluto e tutti e al prossiamo articolo da GM_EDOARDOV😉

Articoli consigliati

4 thoughts on “Gambetto Urusov”

  1. andrei says:

    In un altro gruppo ho letto della variante Gunderam e lì si dice che è giocabilissima. Voi cosa ne pensate?

  2. TM says:

    Il dilettante tedesco Gerhart Gunderam ha dato il suo nome a molte varianti strane. In Italia è conosciuto grazie al GM Mariotti che ha adottato alcune sue varianti nella pratica internazionale a cavallo fra gli anni ’60 e 70. E’ famosa una sua vittoria contro Gligoric in un’ Est indiana dei 4 pedoni divcentata poi dei 5 o 6 pedoni!

    Ma Mariotti era Mariotti…

    Queste varianti erano state prese da due librettini ( che io ho) uno con la copertina azzurra e uno con la copertina blu nel quale erano riportate delle varianti analizzate un po’ frettolosamente e piene di errori. Alcune di queste varianti non hanno retto alla prova del tempo ( come il Gambetto Fiorentino ( nome datoda Mariotti ad un particolare gambetto contro l’Est Indiana) e alla variante 3.., Df6 contro la spagnola. C’è un aneddoto su questa variante. In un numero della rivista “Tuttoscacchi”, nella quale lo stesso Mariotti aveva presentato alcune brevi analisi, il nostro GM aveva sostenuto che quella variante era giocabilissima e non demolibile inviatando inoltre i lettori a mandare le loro analisi alla redazione della rivista. E’ un vero peccato che Karpov non avesse letto l’articolo perchè mostrò a Mariotti la confutazione direttamente sulla scacchiera. Tra l’altro all’epoca Mariotti sapeva già che 3.., Df6 era inferiore e che poteva diventare giocabile solo in alcune varianti e solo se preceduta da 3.., Ac5, come in effetti lui stesso giocava in quel momento.

    Altre varianmti dei due librettini, invece, non uscirono mai dalla ristretta cerchia dei giocatori “originali a tutti i costi”.

    Sempre a Gunderam è attribuita la paternità di uan di queste varianti e precisamente quella che scaturisce da 1. e4 e5 2. Cf3 De7 ma in realtà si trattava di una mossa già più volte giocata per corrispondenza.

    E’ encomiabile il concetto di non accettare tutto quello che ci viene detto ad occhi chiusi, ma bisogna valutare il fatto che alcune mosse non sono buone perchè sono teoriche ma sono teoriche perchè sono buone.

    2.. De7 non è una buona mossa e abitualmente porta ad un rientro in una Difesa Philidor nella quale il Nero si è già compromesso con De7 ( abitualmente il posto della Donna in queste posizioni e in c7) e prima o poi dovrà giocare h6 indebolendo le case bianche intorno all’arrocco.

    Di solito il “trucchetto” usato in questi casi è quello di mostrare una linea di 4/5 mosse e poi chiedere: dov’è il vantaggio? E’ chiaro che dopo poche mosse il vantaggio può essere solo di spazio e di iniziativa ed è anche chiaro che dopo poche mosse non si può parlare di vantaggio decisivo. Ma chiunque sappia un po’ giocare a scacchi riesce a riconoscere una buona posizione da una asfittica e priva di prospettive ancorchè solida..

    In conclusione: lascia perdere i consigli dei principianti e concentrati sul gioco vero.

  3. offshore corporations says:

    Vi è mai successo che, giocando la partita dei Due Cavalli, il vostro avversario dopo 1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ac4 abbia risposto con 3.., h6?

  4. TM says:

    On line mi succede spesso. I principianti si lasciano spaventare dalla “minaccia” Cg5 e la impediscono radicalmente. la semplice 4. d4 è sufficiente a dare un ottimo gioco al Bianco. Dopo 4…, exd4 si può giocare 5. Cxd4 o il gambetto 5. c3.

    Non capisco perchè non giochino più semplicemente 3.., Ac5 ( contro la quale 4. Cg5 non serve) oppure, se non vogliono studiare la teoria che c’è dietro 3…, Cf6, la semplice anche se passiva 3.., Ae7.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.