Browse By

Caccia all’Orango

L’orango è una creatura abbastanza mite che può interagire con l’uomo ma va trattato con molta attenzione perché, se si arrabbia, è in grado di strapparvi le braccia!

Quando Tartakover nel 1924 diede il nome di questo animale all’apertura 1. b4

apertura 1.b4

apertura 1.b4

forse pensava proprio a questa latente pericolosità mascherata da una apparente mitezza. In seguito i russi la chiamarono Sokolski dal nome del giocatore russo, Aleksej Sokolski, che la teorizzò e la applicò con ottimi risultati soprattutto per corrispondenza.

Alexey_Sokolsky_(circa_1950)

Cosa intende fare il Bianco? Semplicemente vuole guadagnare spazio sull’ala di Donna prima di impegnarsi al centro. Il Nero ha diversi modi di opporsi ma il più classico è quello di svilupparsi in maniera coerente con i princìpi della strategia.

Questa regola è importante ogni volta che ci dobbiamo confrontare con un’apertura che non conosciamo. Invece di pensare ad una confutazione immediata, che spesso non esiste, basta giocare con un po’ di buon senso e affronteremo il medio gioco con tranquillità.

La prima mossa del Nero è pertanto:

1.., e5

1.b4 e5

1.b4 e5

Giocando per limitare l’azione dell’Alfiere e attaccando il Pb4. Il Bianco replica ovviamente con

2. Ab2

E dopo la sequenza forzata

2.., Axb4  3. Axe5 Cf6

Giungiamo in questa posizione.

3

Il Bianco ha cambiato un pedone laterale per uno centrale e questo dovrebbe deporre a suo favore. D’altro canto il Nero è più sviluppato ( e un ulteriore vantaggio di sviluppo lo potrà ottenere quando giocherà Cc6 attaccando l’Alfiere e obbligandolo a spostarsi) e quindi ha un vantaggio di “attività”.

Nel prosieguo del gioco il Nero cercherà di ottenere questa struttura di pezzi e pedoni

4

 

e quindi avrà un gioco comodo. Vediamo alcune continuazioni:

 

4. e3 0-0  5. Cf3 Te8

Mettendo sotto attacco l’Alfiere e sbirciando da lontano addirittura Sua Maestà il Re Bianco!

6. c4

Il Bianco si oppone subito alla cessione gratuita del centro cercando di non permettere la spinta in d5. Se : 6. Ae2 d5  7. 0-0 c5 seguito da Cc6 e d4. Da notare il fatto che il Nero ha resistito alla tentazione di guadagnare subito un tempo giocando Cc6 ma ha giocato prima c5 conquistando spazio al centro.

6.., d5  7. cxd5 Cxd5  8. Ab2

Se vi state  chiedendo perché non si possono giocare mosse come 8. Cc3 o Ae2 guardate un po’ qua:

8. Cc3, Txe5!  9. Cxe5 Cxc3  10. Db3 Cd5 

8. Ae2 Txe5! ( ancora!) 9. Cxe5 Df6  10. f4 Cxe3! E il Nero ha una forte posizione. E’ utile ricordare la possibilità del sacrificio di qualità e/o della presa in e3 col Cavallo. Un ulteriore esempio lo possiamo vedere in questa continuazione:

8. Ac4 Ag4 9. Ab2 Cxe3!? ( si può anche giocare tranquillamente 9.., Cc6  10. 0-0 Dd7) 10. fxe3 Txe3+  11. Rf2 Txf3+  12. gxf3 Dh4+ e adesso se il Bianco sbaglia e gioca 13. Re3 il Nero comincia una feroce caccia al Re con 13.., Ah5 mentre se gioca la corretta 13. Rg1 il Nero dopo 13.., Ah3  14. Af1 ha la scelta fra la patta con 14.., Dg5+ oppure proseguire l’attacco con 14.., Cc6. Può darsi che un computer possa difendere questa posizione con il Bianco ma voi non giocate contro un computer! Lascio a voi il piacere di analizzare questa posizione.

Torniamo alla linea principale:

8.., Cf4!  9. Ce5

Cercando di bloccare la colonna “e” ma forse non è una buona idea dopo:

9… Dg5!

E la posizione del Bianco rischia il tracollo dopo 10. exf4 Dxf4. Il tracollo è invece garantito se il Bianco cade nella piccola trappola tesagli dal Nero con la sua ultima mossa e gioca 10. g3.

Seguirebbe infatti 10.., Txe5  11. gxf4 Txe3  12. fxe3 ( altre mosse non salvano) 12.., Dh4  13. Re2 Ag4+ R.I.P.

rip

Ovviamente il Bianco può giocare più tranquillamente 2. a3

E’ una mossa che non mette sotto pressione il centro e il Nero può svilupparsi tranquillamente:

2.., d5  3.Ab2 Ad6 4. e3 ( non 4. f4 exf4  5. Axg7 Dh4+) 4.., Cf6  5. c4 c6 e il Nero ha un comodo sviluppo e domina il centro. Da ora in poi S.S.G.S. ( Semplicemente Si Gioca a Scacchi) ma partendo da una posizione favorevole.

Conclusione: non fatevi fuorviare dall’apparente semplicità della prima mossa del Bianco ma non fatevi neppure prendere dal panico. Sviluppatevi con coerenza e così spiegherete coi fatti  al vostro avversario perché Anand non gioca questa apertura.

TM

Articoli consigliati

2 thoughts on “Caccia all’Orango”

  1. fagiolino says:

    molto bello questo articolo!

  2. TM says:

    Grazie. Se ci sono richieste specifiche su altre varianti o domande su questa , fate pure!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.