Browse By

All posts by Christian

Come individuare motivi Tattici

La ricerca delle mosse e il calcolo delle varianti tattiche richiede sempre molto tempo e fatica. Proprio per questo motivo, prima di addentrarci in questo lavoro è necessario che ci siano dei presupposti. Se vediamo per esempio il Re e la Donna che si trovano

alfieri-contrari

Alfiere e due pedoni contro Alfiere Contrario – Finale di Scacchi

In questo caso è difficile dare delle regole generali. Generalmente i pedoni passati vincono se sono molto avanzati (per esempio in sesta traversa) o se l’Alfiere del difensore non occupa case strategiche. Con i pedoni già sulla quinta traversa bisogna capire come e quando spingerli. È chiaro che il Bianco,

Dall’apertura al finale senza passare dal Mediogioco

Subito dopo aver giocato l’apertura, è possibile arrivare direttamente in finale senza passare dal Mediogioco. Com’è possibile questo? Cambiando rapidamente i pezzi è possibile ritrovarsi a giocare con il Re, qualche pedone e qualche pezzo leggero. Se si è padroni dei principi dei finali allora si può facilmente vincerli, altrimenti se entrambi

finale-scacchi-blocco-pedoni

La spinta di Rottura per ottenere l’iniziativa

Chi è in vantaggio posizionale è tenuto a far leva su di esso per prendere l’iniziativa. Un modo tipico per realizzarlo è basato su un’operazione tattica: la spinta di rottura. Essa provoca la distruzione delle linee difensive avversarie e l’irruzione delle forze attaccanti nei punti

Come rompere una barriera di pedoni e Promuovere a Donna

Capita spesso di ritrovarsi in finali pari in cui rimangono il Re e i Pedoni. I nostri e i pedoni dell’avversario si ritrovano allineati e di conseguenza è difficile trovare un punto di rottura per portare poi il pedone a promozione.  Nel video che segue puoi trovare un tatticismo

Capablanca e il Gioco Posizionale

Esistono giocatori posizionale e giocatori combinativi. I primi, sono alla ricerca di solidità e di posizioni chiare in cui è possibile ottenere piccoli vantaggi posizionali per sfruttarli poi nel finale e portarsi in un vantaggio concreto che determinerà le sorti della partita. I secondi invece sono più amanti del rischio. Non si fanno problemi a sacrificare