Browse By

Le 4 Regole di Steinitz

Il grande Steinitz all’ epoca sconvolse il gioco degli scacchi immettendo un bel pò di teoria che noi tutt’ ora, al giorno d’ oggi, utilizziamo ancora.
Le sue 4 regole sono fondamentali, e penso che ogni giocatore le debba imparare a memoria anche se i giocatori più forti applicano comunque questi principi senza conoscerli.

Principio n.1


Il diritto di attaccare appartiene solo al giocatore che si trova in un vantaggio posizionale.

In pratica Steinitz afferma che se noi abbiamo una migliorare disposizione dei pezzi e un miglior controllo dei punti chiave, allora abbiamo il diritto di attaccare. In caso contrario siamo costretti a consolidare la nostra posizione prima di poter formulare un piano d’ attacco.

Principio n.2

Il difendente deve prepararsi a parare i tentativi d’ attacco dell’ avversario.

E’ importante che il giocatore che difende si metti in testa che il ruolo ora è quello di difendere. Contrattaccare non è sempre la soluzione migliore anche se dipende da csso a caso.

Principio n.3


In condizioni di gioco i pari, entrambi i giocatori cercano di fare manovre in modo tale da portare il gioco a loro vantaggio.

Quando il gioco è uquilibrato, entrambi i giocatori giocano ancora per vincere, quindi cercano di irrompere tramite manovre nel campo avversario.

Principio n.4

Per vantaggio si può intendere un unico vantaggio oppure un insieme di tanti piccoli vantaggi. Il giocatore che possiede questo o questi deve cercare di trasformare questi in permanenti.

Un giocatore che si trova in vantaggio, cerca sempre di forzare la situazione fino ad avere un vantaggio concreto come può essere il guadagno di materiale.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.