Browse By

Come scegliere il repertorio d' apertura

La scelta del repertorio d’ apertura da utilizzare è sempre stato un grosso punto di domanda. Nessuno ti spiega come scegliere delle aperture e nessuno tio spiega in che modo affrontarle.

Dalla mia esperienza però, sono riuscito a ricavare alcune informazioni importantissime che ora avrò modo di raccontarvi attraverso questo articolo.

La scelta dell’ apertura col bianco

Se vuoi diventare uno scacchista affermato, devi scegliere la tua apertura. Ciò vuol dire che prendi un’ apertura, e di questa ne studi ogni minima variante, fino a diventarne un esperto. La scelta d’ apertura col bianco, sarà quella che ti targhettizzerà e che ti rappresenterà. Ma, in base a cosa scegliere 1.e4 1.d4 1.d4 o 1.Cf3?

-Risposta: In base ai propri gusti e alla propria personalità.

Scegliere un’ apertura in base ai propri gusti intendo scegliere un’ apertura con la quale ci si trova bene sin dall’ inizio. Se scegliamo 1.e4, e con quest’ apertura ne perdiamo 7 su 10, mentre poi cambiamo e ci dirigiamo su 1.d4 e ne perdiamo 5/10, allora senz’ altro ci troveremo meglio con quest’ ultima. Ovviamente non è tutto così semplice poichè ci sono in gioco moltissime variabili. Una di queste è la quantità di teoria presente in quella determinata apertura.

Le aperture 1.e4 e 1.d4 sono le più teorizzate, e sono quelle che presentano il maggior numero di trappole in apertura. Perciò bisogna stare molto attenti a queste.

Scegliere un’ apertura in base al proprio carattere è un pò più difficile da mettere in pratica, poichè pochi di noi, o meglio, quasi nessuno è in grado di analizzarsi. Tutti noi siamo più capaci a giudicare ed analizzare gli altri piuttosto che noi stessi (questo spiega perchè riusciamo a risolvere più spesso le situazioni degli altri che le nostre). Perciò, prima di scegliere un’ apertura bisogna chiedersi che stile di gioco si vuole adottare.

Se si è una persona calma, ragionevole e tranquilla, allora si opterà per un gioco tranquillo (anche se non è sempre così, guarda Anderssen che se pur di carattere tranquillò, disputò le partite più sanguinose e piene di sacrifici di tutta la storia degli scacchi), se si è una persona attiva, istintiva e impulsiva, presumibilmente si opterà per un gioco aperto e violento.

Quindi se si è tranquilli, solitamente si sceglie 1.d4 , un’ apertura che permette un gioco più cauto, tramite le molteplici sottovarianti come il Sistema colle e il Sistema di Londra.

Se si ha una personalità ribelle e impulsiva, solitamente si sceglie 1.e4, un’ apertura che possiede miriadi di varianti taglienti, tra le quali intendo ricordare la variante del Gambetto di Re.

La scelta di Apertura con nero

Se col bianco possiamo iniziare sempre con un’ apertura prestabilita (per esempio 1.d4), col nero invece non possiamo. Non possiamo perchè non è detto che il nostro avversario ci apra nel modo in cui desideriamo noi.

Perciò il mio consiglio è quello di prepararti due sole difese col nero, una contro 1.e4 e l’ altra contro 1.d4 (se l’ avversario apre con 1.c4 o altre aperture minori, dovrai fare in modo di rientrare in una delle tue difese che conosci).

In questo modo sarai ben protetto da ” cattive sorprese “. Anche quì, scegliere il tipo di difesa da adottare è difficile. Ne esistono parecchie e molto buone. Contro 1.e4 abbiamo 1. … e5, 1. … d5, 1. … c6, 1. … e6 ecc.. tutte molte buone, ma molte di queste hanno un’ ampia teoria. Per esempio 1. … c5 e 1. … e5 sono conosciutissime ed esistono moltissime sottovarianti di queste. Mentre un’ apertura come 1. .. e6 ha poche continuazioni principale, tra cui la variante di spinta 1. e4 e6 2. d4 d5 3. e5. Chi non la conosce? Tutti! E molti conoscono solo questa continuazione. Perciò perchè non giocare su questo fatto e prepararsi una bella difesa francese con nero con tutte le trappole possibili e immaginabili?

Poi ovviamente i gusti sono gusti. Io che per esempio vado matto per la moltitudine di pezzi sulla scacchiera, gioco la Scheveningen. Quando è possibile uso il sistema con i pedoni d6, e6 i cavalli in f6  c6 e gli alfieri in e7 e d7. In questo modo gli scambi sono quasi ineffettuabili e le strategia e la pressione sulla scacchiera raggiunge le stelle! (come amo questo sistema!! 🙂 ), e quindi se non si hanno gli occhi ben aperti può succedere di tutto.

Ma come ho detto prima, i gusti son gusti e ognuno è giusto che scelga l’ apertura che più gli piace! 😉

Articoli consigliati

3 thoughts on “Come scegliere il repertorio d' apertura”

  1. macrit says:

    ciao, hai consigliato di avere almeno due difese (contro e4 e d4). Poi pero’ in conclusione sembra che tu suggerisca che basta conoscerne bene una (la francese). Volevo capire meglio: ha senso usare una unica difesa sia contro e4 che contro d4; ad esempio la slava o la semi-slava van bene se usate contro d4? tipo 1. e4 c6 2. d4 d5.
    grazie
    macrit

  2. Christian says:

    Ciao Macrit, probabilmente mi sono espresso male o avrai interpretato male le mie parole. Una sola difesa è impossibile da utilizzare (anche se ci sono le difese moderne o universali che vano bene per tutto).

    La francese si può giocare solo contro 1.e4 e6 , anche si in alcune continuazioni di 1.d4 è possibile giocarla.

    Ci vuole assolutamente ALMENO una difesa contro 1.e4 e una contro 1.d4. La difesa semi-slava o slava vanno benissimo contro 1.d4, ma non contro 1.e4, dato che è impossibile impostarle, per esempio: 1.e4 d5 segue 2.exd5

    Contro 1.e4 puoi scegliere tra:

    – Francese
    – Siciliana
    – Partita Italiana
    – Moderna
    – Caro Kann
    – altre…

  3. Barone says:

    Come principiante che cerca di farsi un “””repertorio””” (anche le virgolette sono tra virgolette, visti i risultati…), fino a poco fa’ rispondevo con 1…e6 sia a 1.e4 che a 1.d4: così facendo mi è capitato più spesso che no di giocare la Francese anche contro l’apertura di Donna. Cioè 1.d4 e6, 2.e4 d5, ovvero una Francese in cui il Bianco ha invertito l’ordine delle due prime mosse.
    In questo senso questa difesa puo’ essere usata sia contro l’apertura di Donna che contro quella di Re, ma è necessaria comunque una seconda difesa da usare quando il Bianco non gioca e4 nemmeno alla seconda mossa. Ad esempio nel caso 1.d4 e6, 2.c4, per rimanere abbastanza in linea con alcuni schemi della Francese io provavo 2…Ab4+ (Difesa Franco-Indiana).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.